Italia Markets close in 8 hrs 7 mins

Previsioni giornaliere fondamentali USD/JPY – Vendite al dettaglio giapponesi peggiori del previsto

James Hyerczyk

Il dollaro/yen è scambiato in ribasso venerdì, il che è un po ‘una sorpresa data la continua domanda di attività rischiose. I rendimenti del Tesoro inferiore potrebbero essere dietro la mossa. Tendono a indebolire la domanda per il dollaro USA perché aiutano quindi a restringere lo spread tra i rendimenti dei titoli di Stato statunitensi e i rendimenti dei titoli di Stato giapponesi.

Alle 11:07 GMT, l’ USD/JPY è scambiato a 109,478, in calo dello 0,181 o -0,17%.

Tecnicamente, l’USD/JPY continua a trovare supporto a livello di Fibonacci a lungo termine a 109,371. Tuttavia, i guadagni sono rimasti limitati al massimo del 30 maggio a 109,930. Se 109,371 dovesse fallire come supporto, cerca eventualmente che la vendita si estenda al livello minore del 50% a 109,109.

Notizie economiche dal Giappone

In notizie economiche, i dati sulle vendite al dettaglio giapponesi di novembre pubblicati venerdì sono peggiorati del previsto. Le vendite al dettaglio sono diminuite del 2,1% a novembre rispetto a un anno prima, secondo i dati del governo. Questo era al di sotto delle previsioni del mercato mediano per un calo dell’1,7%, secondo Reuters. I dati seguono un aumento dell’imposta sulle vendite entrato in vigore a ottobre.

I prezzi al consumo di base a Tokyo sono aumentati dello 0,8% a dicembre rispetto a un anno prima, i dati del governo hanno mostrato venerdì. L’indice dei prezzi al consumo di base per il capitale del Giappone, che comprende i prodotti petroliferi ma esclude i prezzi dei prodotti alimentari freschi, rispetto alla stima mediana degli economisti per un aumento annuo dello 0,6%.

Il tasso di disoccupazione del Giappone è diminuito e la disponibilità di posti di lavoro è rimasta stabile a novembre, i dati del governo hanno mostrato venerdì. Il tasso di disoccupazione destagionalizzato è sceso al 2,2% a novembre dal 2,4% del mese precedente, mostrano i dati del Ministero degli affari interni e delle comunicazioni. Questo rispetto a una previsione del mercato mediano del 2,4%.

La produzione industriale giapponese è scesa per il secondo mese consecutivo a novembre, aumentando la probabilità che l’economia si contrarrà nel quarto trimestre a causa del rallentamento della domanda all’estero e in patria. I dati ufficiali hanno mostrato che la produzione industriale è scesa dello 0,9% a novembre rispetto al mese precedente, un calo più lento rispetto all’1,4% delle previsioni di Reuters. Ciò ha seguito un calo del 4,5% rivisto al ribasso nel mese precedente, il più grande crollo su base mensile da quando il governo ha iniziato a compilare i dati in forma comparativa nel gennaio 2013.

Riassunto delle opinioni della BOJ

Un policymaker della Bank of Japan ha minimizzato la possibilità di soddisfare una proposta del Fondo monetario internazionale per modificare l’obiettivo di inflazione del 2% della banca centrale in un obiettivo più libero fissato in un intervallo, ha mostrato un riassunto delle opinioni alla revisione dei tassi della BOJ di dicembre, ha riferito Reuters.

Poiché l’inflazione ostinatamente bassa costringe la BOJ a mantenere un massiccio programma di stimolo nonostante la tensione inflitta alle istituzioni finanziarie, l’FMI ha affermato in una proposta politica a novembre che la BOJ potrebbe rendere il suo obiettivo di prezzo più flessibile adottando un intervallo obiettivo per le variazioni di prezzo, secondo Reuters.

L’idea è in contrasto con l’impegno del governatore della BOJ Haruhiko Kuroda di continuare con il suo “potente” allentamento monetario per colpire l’inflazione del 2% alla prima data possibile, ha affermato Reuters.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: