Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.435,75
    +218,19 (+0,83%)
     
  • Dow Jones

    33.978,08
    +28,67 (+0,08%)
     
  • Nasdaq

    11.621,71
    +109,30 (+0,95%)
     
  • Nikkei 225

    27.382,56
    +19,81 (+0,07%)
     
  • Petrolio

    79,38
    -1,63 (-2,01%)
     
  • BTC-EUR

    21.167,55
    -170,90 (-0,80%)
     
  • CMC Crypto 200

    526,66
    +9,65 (+1,87%)
     
  • Oro

    1.927,60
    -2,40 (-0,12%)
     
  • EUR/USD

    1,0874
    -0,0018 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.070,56
    +10,13 (+0,25%)
     
  • HANG SENG

    22.688,90
    +122,12 (+0,54%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.178,01
    +4,03 (+0,10%)
     
  • EUR/GBP

    0,8765
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0008
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4462
    -0,0041 (-0,28%)
     

Russia ritira forze da città di fronte a Kherson - esercito Ucraina

Militari ucraini in una postazione nella regione di Donetsk

KIEV (Reuters) - La Russia ha ritirato alcune truppe dalle città che si trovano sulla sponda orientale del fiume Dnipro, di fronte alla città di Kherson, secondo le forze armate ucraine. Si tratta del primo rapporto ufficiale ucraino di un ritiro russo da quella che è ora la principale linea del fronte nel Sud del Paese.

Il rapporto fornisce solo pochi dettagli e non dice se le forze ucraine hanno attraversato il Dnipro. I funzionari ucraini hanno anche sottolineato che la Russia ha intensificato i bombardamenti al di là del fiume, lasciando di nuovo Kherson senza luce.

Da quando la Russia ha abbandonato Kherson il mese scorso, a nove mesi dall'invasione dell'Ucraina, il fiume costituisce l'intero tratto meridionale del fronte.

Mosca ha già detto ai civili di lasciare le città che si trovano nel raggio di 15 km dal Dnipro e ha ritirato l'amministrazione civile russa dalla città di Nova Kakhovska, sulla riva del fiume. I funzionari ucraini avevano già detto che la Russia ha fatto indietreggiare parte dell'artiglieria che si trovava vicino al fiume in posizioni più sicure, ma finora non avevano detto che le forze russe stavano abbandonando le città.

"Una diminuzione del numero di soldati russi e di attrezzature militari è stata osservata nell'insediamento di Oleshky", ha detto l'esercito, riferendosi alla città che si trova di fronte a Kherson, sul lato opposto di un ponte distrutto sul Dnipro.

"Le truppe nemiche sono state ritirate da alcuni insediamenti dell'oblast di Kherson e si sono disperse in aree di foresta lungo il tratto dell'autostrada Oleshky - Hola Prystan", riferendosi a un tratto di strada lungo 25 km che attraversa città fluviali disseminate nei boschi sulla riva opposta alla città di Kherson.

La maggior parte delle truppe russe presenti nel territorio sono costituite da riservisti mobilitati di recente, il che suggerisce che le truppe professionali meglio addestrate di Mosca abbiano già lasciato l'area.

Reuters non ha potuto confermare in modo indipendente la notizia.

L'Ucraina ha rafforzato oggi la sicurezza delle missioni diplomatiche nel mondo dopo l'esplosione di una mail-bomba presso l'ambasciata a Madrid, uno dei numerosi ordigni inviati a bersagli in Spagna, tra cui il primo ministro Pedro Sanchez.

L'ambasciatore ucraino in Spagna Serhii Pohoreltsev ha detto al sito di notizie ucraino European Pravda che il pacco sospetto indirizzato a lui era stato aperto fuori dall'edificio dal comandante ucraino dell'ambasciata, rimasto ferito nell'esplosione.

"Dopo aver aperto la scatola e aver sentito un clic, l'ha gettata e poi ha sentito l'esplosione", ha aggiunto. "Nonostante non avesse in mano la scatola al momento dell'esplosione, il comandante si è ferito alle mani e ha subito una commozione", ha precisato.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Francesca Piscioneri)